Studio topografico attraverso l’utilizzo di strumentazione GPS ad elevata risoluzione.  Georeferenziazione ad alta risoluzione dei riferimenti naturali (trappole, valvole, ecc.) e marker artificiali della condotta. Trattamento dei dati provenienti dalla mappatura della condotta effettuata tramite impiego dell’unità IMU (Inertial Mapping Unit) e dai sensori giroscopici inerziali equipaggiati sul veicolo ispettivo.

Rilievo profondità condotta, plottaggio del tracciato della condotta e delle relative coordinate X,Y,Z sulla cartografia regionale (CTR).

Trasferimento dati su dispositivi elettronici quali PC, Palmari e Tablet per la visualizzazione completa del tracciato della condotta in campo.

Programma personalizzato per la navigazione assistita su tutti i punti della condotta.

Conversione dei dati cartografici in funzione del sistema di riferimento adottato dal Cliente.

Rilevazione delle curvature e delle sforzature delle condotte (pipeline bending strain).

Pianificazione in casi di emergenza quali sversamenti.